Per sempre…


snow-kiss

E se adesso fossi lì con te, accenderei lo stereo e inserirei quel cd che faceva spesso da sottofondo ai nostri incontri clandestini. Due ragazzi che in un freddo pomeriggio di marzo si nascondevano in una casa da arredare, via di corsa verso la stanza dalle pareti celesti come il cielo. Ci tuffavamo su quel letto immerso in un mare di emozioni brillanti, levando l’àncora a quella nave che ci tratteneva giù, librandoci in alto verso desideri pressanti. La musica ci spogliava al ritmo dolce e raffinato di quelle note deliziose, e con l’avanzare della melodia, i nostri corpi e le nostre anime si scoprivano, si afferravano, si vivevano. Mi farei trascinare lontano, volerei ancora assieme a te in quell’oceano di distanti ma non perdute emozioni. Ti perdonerei, si, ti perdonerei per tutto il male che, incosapevolmente, mi hai recato. Ti bacerei forte, con la stessa passione, ti bacerei tutto, come se fosse l’ultima volta in cui mi è concesso, come se stessi per dirti addio. Perchè è così, ogni giorno ti accolgo nella mia vita e ti dico addio: dico addio alle tue mancanze, alla tua distrazione, alla tua leggerezza. Accolgo i tuoi sorrisi, i tuoi piccoli gesti, ogni emozione che mi suscitano i tuoi occhi o la tua voce. Ed è un incantesimo che prende vita anche in me: ad ogni alba mi rinnovo, ad ogni tramonto saluto con un gesto aggraziato le debolezze che ho accarezzato e trattenuto in questi anni, quelle che mi han fatto vacillare quando tentavo di mantenermi in equilibrio sulle corde tese della vita, le stesse debolezze che mi han fatto cadere sull’asfalto dove ho sbucciato le ginocchia e lasciato pezzi di cuore. Eccomi, condannata per la vita ad appartenere alla schiera dei sentimentali. Noi, giovani romantici, abbiamo frainteso il senso delle parole “per sempre”. Quel “per sempre” si è caricato di una valenza incredibilmente pregna di una serie immensa di richieste, aspettative, rinunce, compromessi.
Dopo botte e lividi, sangue rappreso e strappi ricuciti, son cambiate alcune leggi della vita. Il mio “per sempre” è il mio “oggi”, l’unico tempo sul quale ho qualche potere, un susseguirsi di attimi fuggenti carichi di ciò che voglio vivere e un domani ricordare.

© Il colibrì rosso
Photo credits: “Snow Kiss” by Thomas Ricker

Annunci

Un pensiero riguardo “Per sempre…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...