Strenne d’inchiostro


Caro lettore,

finalmente riesco ad approfittare di un fugace momento di pausa per scriverti questa breve lettera. Manca davvero poco al Natale e tra controllo qualità dei doni, cura delle renne e manutenzione della slitta, le giornate qui al Polo Nord “volano”, è proprio il caso di dirlo.

Sì, immagino cosa starai pensando in questo momento: in genere sei tu quello che scrive lettere traboccanti di richieste, ma quest’anno ho deciso di fare un’eccezione e chiedere io un piccolo regalo a te.

Sì, anche adesso so a cosa stai pensando. Non fraintendere, non ho alcun dono particolare (a parte quello di permettere a una slitta e a sei renne di volare durante la notte di Natale e fare il giro del mondo, sia chiaro) e non riesco a leggerti nel pensiero. Tuttavia, sono certo che ti starai chiedendo cosa mai avresti tu da offrire a me, Babbo Natale, l’unica persona nell’immaginario collettivo in grado di soddisfare qualsiasi richiesta, anche la più bizzarra.

Ebbene, caro amico, il mio desiderio è molto semplice e non sarà necessaria alcuna grande abilità per realizzarlo: voglio che ti prenda del tempo. Hai capito bene, semplicemente un po’ di tempo. Vedi, voi persone comuni mi date sempre l’impressione di credere che avrete tantissime possibilità nel futuro di realizzare ogni vostro intento. È come se per voi il tempo non avesse scadenza, come se viveste nell’illusione di non incontrare mai alcun ostacolo né intoppo. Niente si porrà tra voi e l’obiettivo di turno, se non la vostra volontà. È per questo motivo che rimandate sempre l’inizio di una dieta, l’iscrizione in palestra, il viaggio in quella località esotica che sognate osservando il calendario sulla scrivania o la telefonata a quell’amico di infanzia che non vedete da anni. Le vostre giornate sono tutte un susseguirsi di “Domani lo chiamerò”, “Lunedì inizio la dieta”, “Il mese prossimo mi iscrivo in palestra”, “Appena ho un po’ di soldi organizzo un bel viaggetto”. Potrei proporvi una lista infinita, in cui tutte le entrate sono contraddistinte da una sola costante: la procrastinazione.

Mi duole notare, purtroppo, che questo atteggiamento permea le vostre scelte in ogni aspetto della vostra vita, anche in quello più umano e legato ai sentimenti. Quante volte avete omesso di rendere visita a una persona cara perché troppo stanchi o impegnati? Quante volte avete preferito un approccio virtuale ad un più ricco ed emotivamente coinvolgente caffè a quattr’occhi? Quante volte avete evitato di dedicare del tempo a voi stessi e a ciò che vi fa sentire bene per portare a termine impegni di cui vi pesava l’urgenza?

Sono anni che ti osservo, amico mio. Osservando te e i tuoi simili mi rendo conto che, in fondo, non siete poi chissà quanto diversi gli uni dagli altri. Così presi dalla freneticità delle vostre giornate da dimenticare che le grandi gioie e le felicità più belle sono frutto di doni semplici e inaspettati, ricevuti non solo dalle persone che vi sono accanto ma anche da quegli sconosciuti a cui potreste prestare orecchio e cuore.

Ecco il motivo per cui all’inizio di questa lettera ti ho chiesto del tempo. Vorrei presentarti un paio (ehm… no, in realtà quasi una trentina) di persone che apprezzerebbero senz’altro se tu potessi dedicar loro qualche ora del tuo prezioso tempo. Sappiamo entrambi che durante le vacanze natalizie l’atmosfera diventa più rilassata (in fondo ai regali ci pensa il sottoscritto, no?) e ci si può dedicare con più calma alle cose che si amano fare. Siccome un uccellino mi ha detto che sei un lettore onnivoro e appassionato, ho pensato potesse farti piacere leggere qualche racconto ispirato al periodo più magico dell’anno (di cui mi prendo il merito, senza offesa per nessuno).

cover-completa

I racconti della raccolta che ti appresti a leggere sono piccole strenne d’inchiostro di cui, seguendo la tradizione dell’antica Roma che prevedeva lo scambio di doni augurali, ventotto giovani autori vogliono farti dono, in maniera gratuita e con la gioia nel cuore. Non ho un quadro chiaro e completo riguardo i tuoi gusti di lettura (farò finta di non ricordare dell’anno in cui hai chiesto che ti fosse regalato Twilight o di quello in cui la tua scelta è ricaduta sulle Cinquanta sfumature), e probabilmente non tutti ti piaceranno. Tuttavia, questa antologia è il frutto di un lavoro lento e appassionato, che ha conosciuto gli sforzi di tanti autori e l’impegno di altrettanti revisori. I miei amici Gianluca, Esther, Annalisa, Annarita e Viviana sono stati più bravi dei miei folletti, sacrificando il proprio tempo libero e dedicando tante ore alla realizzazione di questo progetto importante.

In questo libro troverai storie di diverso genere, talvolta con protagonisti davvero particolari. Ammetto che qualche autore ha lavorato un po’ troppo di fantasia, ma il risultato è un mare di parole che hanno come unico scopo quello di far conoscere le penne degli autori coinvolti, i loro sogni, i loro ricordi, le loro speranze e i loro pensieri.

Non ti ci vorrà molto per sfogliarlo e scorrere tutte le novelle narrate, ma per loro, i miei amici autori, questo tuo gesto sarà davvero importante. Sul retro della copertina troverai i nomi di tutte le persone che hanno collaborato alla realizzazione di questo libricino. Chissà che alla fine della lettura non ti venga la curiosità di scoprire qualcosa in più sui loro progetti in cantiere e sulle altre opere che hanno pubblicato. Se vorrai farmi conoscere le tue impressioni, non potrà che farmi piacere.

Adesso devo proprio lasciarti, la mia pausa è durata anche troppo. Spero rifletterai su ciò che ti ho detto e imparerai, da oggi in poi, a dare più valore al tuo tempo e a riconoscere le priorità a cui dedicarlo.

Ah, un’ultima raccomandazione: almeno il giorno di Natale, evita di usare lo smartphone a tavola. Guarda i tuoi cari negli occhi e approfitta dell’occasione per “chattare” di persona con loro. I tuoi amici virtuali possono aspettare. Ed evita di postare la foto dei regali ricevuti su Instagram, a meno che non si tratti di libri o di questa raccolta, per esempio.

Tanti auguri di un sereno Natale, amico mio.

Che tu possa trascorrerlo nella serenità di una casa colma d’affetto. Di questi tempi, è un regalo prezioso. Una vera rarità.

Con amore,

Babbo Natale

divisore

 

Cari amici,
ho scelto di presentarvi uno degli ultimi lavori letterari a cui ho partecipato con la prefazione e la copertina da me curate. 🙂
L’antologia è disponibile su Amazon ed è scaricabile gratuitamente a questo link.
All’interno troverete il mio racconto “Una lettera dal Paradiso” e tante altre storie ispirate al Natale. Spero troverete piacevole la lettura. Ogni commento sarà apprezzatissimo!
Buona giornata!

Annarita

Annunci

3 thoughts on “Strenne d’inchiostro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...